Comune di Burolo

Logo del Comune di Burolo

Dati anagrafici

Indirizzo: Via Asilo, 38 10010 Burolo TO
Telefono: 0125/57136
FAX: 0125/577301
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
e-mail certificata (PEC): Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: http://www.comune.burolo.to.it
Sindaco: Roberto Cominetto
e-mail Sindaco: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Telefono Sindaco: 0125/676690

Dati statistici

Numero di abitanti: 1273
Altitudine minima: 232
Altitudine massima: 660
Altitudine del Municipio: 276
Latitudine: 45° 29' 1.841"N
Longitudine: 7° 55' 56.868"E
Gradi decimali (latitudine): 45.4838448
Gradi decimali (longitudine): 7.9324634
Locator (WWL): JN35XL
Santo Patrono: S. Pietro e S. Paolo
Data festa patronale: 29 Giugno
Nome degli abitanti: Burolesi
Superficie in Kmq: 5

Descrizione

Burolo si sviluppa tra il piano e il colle, sulla fascia dei primi contrafforti della Serra, ai margini dell'anfiteatro morenico.
Dista 54km da Torino e confina con i comuni di Bollengo, Ivrea, Cascinette d'Ivrea, Chiaverano e Torrazzo Biellese.
Il nome di Burolo e' attestato nelle seguenti forme di documenti medioevali: Burolus a. 1162, Burolius a. 1173, Boirol a. 1181, Buirolus a. 1183, Buyrolius a. 1203, Buroylius a. 1264, Burol a. 1276. Il Serra e l'Olivieri fanno risalire il toponimo all'ipotetico gentilizio romano Burriolus, il quale richiama il Burius, da cui verrebbe il torinese Buriasco.
La prima attenzione certa di Burolo risale al 1162, quando per la prima volta viene citato Aicardus de Burolo, canonico della cattedrale di Ivrea, definito dominum de castro Burolii in un atto del 1173.
Nel concorso indetto con R.D. 19 giugno 1879, il Comune ottenne dal Ministero dell'Agricoltura una medaglia d'argento, unica nella Provincia, per opere di prosciugamento.
Dalla Gazzetta Piemontese in data 20 novembre 1883: "Un Comune premiato.... Sopra un'area di 138 ettari, dannosi ristagni d'acqua che il rivo Albera, quale scaricatore dei laghi di Chiaverano e di S. Giuseppe, spesso allagava fino all'altezza di un metro dal suolo, con gravissimo danno dei casolari che stanno ai piedi della collina, con quali danni igenici ed agricoli Dio vel dica".

Storia

Il Casalis scriveva di Burolo:

"...Esser uno dei bei villaggi subalpini, che sorgono a forma di anfiteatro; l'ulivo cresce sopra queste colline solatie, il popolo produceva in quantità burro e olio, ...dal ché si suppone la propria denominazione in Burolio..."

Lo scrittore Gaetano Di Giovanni nell'opera - Fisionomia di donne - pubblicata a Palermo da Carlo Clauser nel 1889 scriveva:
"...con tinta bianchissima e signorile le donne di Burolo..."

Storia di Burolo
· Le prime notizie si hanno nell'anno 860, quando S. Benvenuti nella "Storia di Ivrea" cita che in Burolio quell'anno "fu tale il freddo che gelò gran parte del seminato, seccarono le viti e gaie persino il vino nelle botti..."
· Nel 1084 negli antichi monologhi della Cattedrale di Ivrea si cita una Ruspilla di Burolio
· Il 25.08.1193 Giovanni De Benedetti console di Vercelli compera Burolio per 150 lire di Susa
· Burolo è feudo del Comune di Vercelli nel 1300
· Dei Visconti di Milano nel 1337
· Del Duca Amedeo VIII di Savoia nel 1426
· Nel 1570 si insediarono i CEVERIS che occuparono il Castello basso, opera costruita nel 1231
· Il 13.05.1669 Burolo assunse a Contado e fu Conte di Burolo Ceveris Carlo Filippo
· Nel giorno 28.08.1704 il Generale francese Vendòme fece incendiare Burolo, depredando di tutto gli abitanti
· Burolo in quel tempo era attraversato da strade collinari che permettevano il transito alle carovane, ai viandanti, ai commerci fra l'Eporediese ed il Biellese, strade ancor oggi ben visibili in selciato di grandi dimensioni, che attraversano il territorio da ovest verso est e conducono a Torrazzo e Sala Biellese.
· La storia avanza tra litigi dei vari casati, distruzioni, ricostruzioni. Nel 1840 si insediarono i Bichieris, con Ranierus I De Burolio, che occuparono il Castello alto

INFORMATIVA: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la privacy policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori infomazioni sui cookie utilizzati in questo sito guarda la nostra privacy policy.

Accetto l’utilizzo dei cookie su questo sito.

EU Cookie Directive